IL TERRITORIO

Pian di Vico è una località appartenente al comune di Tuscania, in provincia di Viterbo, a cavallo tra la Tuscia e la Maremma Laziale.

Il territorio fa parte di una vasta area prevalentemente collinare, incisa da solchi e forre di notevole valenza paesaggistica, ricche di vegetazione, in cui scorrono il Marta ed i suoi affluenti. Ovunque restano I segni del passato, concedendoci in alcuni punti, le strutture dei tipici paesaggi di questa parte d’Italia, che accoglie la rigogliosa asprezza della Maremma Laziale interna, i declivi della Maremma Litoranea e le successioni di piani e gole dell’Etruria interna viterbese. Il suggestivo comune di Tuscania, caratterizzato dai colori caldi della pietra di tufo, ancora circondato dalle sue mura e torri di guardia, presenta una considerevole quantità di testimonianze storiche importanti e racchiude sia il centro storico basso medievale che le colline di Rivellino e San Pietro, famose anche per gli eccezionali complessi architettonici delle chiese di S. Maria Maggiore e S. Pietro. Rappresentano particolare rilievo le testimonianze archeologiche di età etrusca e romana costituite per la maggior parte da “aree di frammenti fittili” (manufatti di terracotta) e da tombe a camera, isolate o raggruppate in necropoli anche molto ampie che si trovano sui pianori limitrofi alle valli del Marta, del Maschiolo e dei loro affluenti o nelle zone dove queste valli si allargano in ampie pianure. Le tombe sono principalmente ipogei scavati nei pendii di tufo tra cui alcuni esempi unici nell’Etruria.