LA FAMIGLIA E L'AZIENDA

Da generazioni una conduzione familiare.
Gli olivi canino e la sfida del biologico.

In passato la tenuta Pian di Vico si estendeva per molti ettari sotto un’unica proprietà familiare. Il possedimento era composto dalla villa padronale e una serie di edifici rurali ad essa annessi, tra cui le stalle, i magazzini e le case destinate alle famiglie dei braccianti. Erano previste anche due piccole stanze utilizzate come scuola per i figli dei contadini. Nel tempo purtroppo è mancata una continuità familiare nella gestione dei terreni, l’attività agricola è stata notevolmente ridotta e i fabbricati sono stati in gran parte abbandonati. Negli ultimi anni è stato profuso quindi un grande impegno per avviare un progetto di recupero e salvaguardia del patrimonio ereditato. I circa 50 ettari della proprietà sono per la maggior parte terreno libero (seminativo), il che consente rotazioni colturali ogni anno. Mio padre Giuseppe, biologo, si è dedicato con costanza al miglioramento dei terreni, focalizzando la sua attenzione sulla produttività dell’oliveto ed effettuando lavori di bonifica, anche per una migliore resa del terreno seminativo circostante. Dai primi anni del 2000 ho iniziato ad affiancare mio padre nella conduzione dell’azienda per poterla valorizzare. E’ nata in me una grande passione, trasmessa non solo dai miei genitori, ma anche e soprattutto dalla terra stessa e dai suoi frutti. Ho perfezionato le mie conoscenze attraverso un percorso di formazione, ottenendo le qualifiche necessarie per diventare “assaggiatore” per la certificazione di Oli Extravergini e DOP Canino e Tuscia. E grazie a questa esperienza ho maturato l’idea di imbottigliare l’olio proveniente esclusivamente dal nostro oliveto, per creare un prodotto garantito e di elevata qualità. In questo ambizioso progetto sono stato incoraggiato e affiancato da mia sorella Alessandra e da mia moglie Saia che come me hanno creduto nelle potenzialità di questa terra e dei suoi prodotti. Alessandra si occupa prevalentemente della raccolta delle olive e della vendita e Saia, oltre alla produzione dell’olio, si sta dedicando con grade passione alle api, dopo aver seguito nel 2013 un corso per diventare apicoltrice. Nel 2014 abbiamo avviato un progetto di ristrutturazione di una piccola parte dei fabbricati, per consentire una gestione logistica più comoda e consona sia alle nostre esigenze che alla vendita dei prodotti con l’obiettivo di poter in futuro recuperare l’intero complesso rurale. Dal 2014 abbiamo deciso di affrontare la sfida del biologico per tutti i prodotti dell’azienda: oliveto, alberi da frutta, miele, colture stagionali come grano e orzo e altro. Questo per garantire prodotti che favoriscono, da un lato la tutela dell’habitat naturale e, dall’altro, l’elevata qualità delle materie prime.

Umberto Lelli

Azienda agricola Pian di Vico